Google svela Chrome, il suo browser open source

Da un po’ di tempo si rumoreggiava su un fantomatico Google Browser, in preparazione nei laboratori di Google – anche se proprio nei giorni scorsi BigG ha firmato l’accordo con Mozilla per continuare a finanziare fino al 2011 lo sviluppo di Firefox in cambio dell’utilizzo del proprio motore di ricerca. Ieri poi Blogoscoped.com ha scritto di aver ricevuto un fumetto disegnato da Scott McCloud, riguardante un nuovo browser open source chiamato Google Chrome, e lo ha pubblicato qui.

Poche ore dopo Google ha ammesso ufficialmente, con un articolo su googleblog.blogspot.com, che Chrome esiste, che ne verrà pubblicata la prima versione beta proprio oggi, e ha a sua volta pubblicato il cartoon su Google Books.

Dal fumetto e dal comunicato di Google leggiamo che il progetto Chrome è nato dall’idea di creare un nuovo browser ex novo – o, come dicono gli americani, from scratch – pensato per come si è evoluto l’uso del web: dalle semplici pagine testuali degli inizi fino a contenuti complessi quali immagini, video e applicazioni, su cui passiamo gran parte del nostro tempo.

Le caratteristiche principali di Google Chrome sono quindi:

  • è un software open source, basato sul motore di rendering WebKit e sul progetto Gears,
  • ha una nuova JavaScript Virtual Machine, chiamata V8, che dovrebbe velocizzare notevolmente l’esecuzione dei processi JavaScript nel browser,
  • tabs (schede) speciali in cima alla finestra,
  • barra degli indirizzi con autocompletamento (come in Firefox 3) e suggerimenti – anche di siti mai visitati,
  • pagina iniziale predefinita simile allo speed-dial di Opera, con le ultime 9 pagine visitate, le ultime ricerche, le ultime schede chiuse, ecc.
  • una modalità “incognito”, per navigare senza che niente di quello che facciamo venga registrato sul PC,
  • la possibilità di lanciare le applicazioni in una propria finestra, isolata, senza barra degli indirizzi nè barre degli strumenti,
  • protezione da software dannosi e phishing basata su un aggiornamento costante da Internet.

Il progetto sembra molto interessante, e dovrebbe aprire ancora di più la concorrenza nel mercato dei browser a vantaggio degli utenti.

Per altre informazioni:

Google Blogoscoped – Google Chrome, Google’s Browser Project

Google Blogoscoped – Google Chrome Screenshots

Punto Informatico – Google Chrome, il browser di BigG

Immagine: da Google Blogoscoped

Aggiornamento: Google Chrome è scaricabile da www.google.com/chrome, purtroppo – al momento – solo per Windows. L’ho installato e lo sto provando. Durante l’installazione ha importato tutti i miei segnalibri da Firefox. Mi sembra veloce sia in caricamento che nell’apertura delle pagine, e e nella navigazione – a prima vista – sembra funzionare molto bene.

Hai trovato interessante questo articolo? Puoi iscriverti ai feed o ricevere i prossimi articoli per email.

3 pensieri su “Google svela Chrome, il suo browser open source”

Rispondi