Ecco i nuovi Asus Eee PC e il mini-desktop Eee Box


asus-eee-box.jpg

Sono stati mostrati da Asus al Computex di Taipei i nuovi modelli di sub-notebook Eee PC e il mini-desktop Eee Box.

Dopo l’Eee PC 900 con schermo da 8.9″, appena uscito, saranno messi in commercio i nuovi modelli basati sul nuovo processore Intel Atom, il 901 e il 1000, con schermi rispettivamente di 8.9″ e 10″. Grazie al basso consumo di Atom, dovrebbe aumentare drasticamente l’autonomia, che per Asus arriverà fino a quasi 8 ore.

L’Eee PC 901 dovrebbe arrivare in Italia in agosto e costare poco più del 900 (intorno ai 430 euro). Il 1000 invece è previsto per il prossimo anno.

L’Eee Box invece sbarcherà probabilmente in Europa in tempo per i regali di Natale ad un prezzo intorno ai 170 euro. Anche questo sarà basato su Atom e sarà disponibile sia con Linux che con Windows Xp.

Foto: da www.electronista.com

Per ulteriori informazioni, vedere l’ottimo articolo di Punto Informatico.

Fra poco in vendita in Italia l’Asus Eee PC con schermo da 9″

asus-eee-pc-900

Come preannunciato, è stato presentato oggi anche in Italia l’Asus Eee PC 900, con schermo da 9 pollici (in realtà sono 8,9), che sarà in vendita tra poche settimane. Secondo Il Sole 24 Ore costerà € 400 sia con Linux che con Windows Xp.

Il nuovo modello ha lo schermo – che secondo me era uno tra i maggiori limiti del modello a 7″ – più grande, più RAM (1 GB anziché 512 MB), dischi allo stato solido (SSD) più capienti (20 GB sul Linux ma solo 12 sul Windows), una webcam integrata e altre piccole modifiche su touchpad e altoparlanti.

E’ prevedibile un grande successo anche per questo nuovo modello.

Riguardo all’articolo del Sole 24 Ore però, non sono molto d’accordo sul consiglio di scegliere la versione Windows Xp; prima di tutto perché credo che su quest’ultima ci sia molto meno spazio libero sul disco (è più piccolo e Windows ne occupa generalmente molto più di Linux), poi perché penso che non possa avere le stesse prestazioni. Per esserne certi però bisogna aspettare i primi test, o riuscire a confrontarli di persona.

Breve test dell’Asus Eee PC e modello con schermo di 9″ in arrivo

asus-eee-pc-900.jpg

Ho avuto modo di mettere le mani su un paio di esemplari di Asus Eee PC, e devo dire che l’ho trovato un oggetto molto ben fatto e comodo da usare. Il funzionamento è sempre fluido e veloce e la gestione delle connessioni di rete ethernet, wireless, o anche GPRS/UMTS (con modem USB Huawei E220) sempre perfetta.

Le due scomodità maggiori, per quel poco che ho visto, sono per me la bassa risoluzione dello schermo a 7″ – dove spesso non stanno neppure le finestre di dialogo delle applicazioni – e la struttura dei menù a schede, al posto di una classica interfaccia del tipo desktop + barra delle applicazioni (o pannelli) come quelle di Gnome, KDE o Windows.

Riguardo ai menù, ho letto che c’è la possibilità di passare dall’interfaccia di default (Easy Desktop Mode) a quella più standard (Full Desktop Mode), basata su KDE, ma non ho avuto modo di provarla.

Per quanto concerne invece le dimensioni e la risoluzione del display, ci doveva pensare Asus, che infatti al Cebit ha presentato il nuovo Eee PC 900 (nella foto), con schermo più grande (9 pollici e risoluzione massima di 1024*600). Quest’ultimo modello ha anche una memoria di massa più capiente (12 GB su memoria allo stato solido).

Il nuovo ultra portatile con sistema operativo Linux Xandros sarà disponibile in Italia dopo la metà di quest’anno ad un prezzo di circa €399.

Verso aprile invece dovrebbe uscire il modello attuale di Eee PC con Windows Xp Home.

Foto: da eeepc.it

Video recensione dell’ultra portatile Linux Asus Eee PC

Recentemente Asus ha messo in commercio un PC “ultraportatile” con Linux preinstallato. Si chiama Asus Eee PC, ha uno schermo da 7″, una tastiera un po’ ridotta, disco allo stato solido (flash), rete wireless, Xandros preinstallato (ma si può installare la distribuzione preferita), pesa meno di un chilo, consuma pochissimo e costa, nella versione superiore, $400 negli USA.

Le impressioni sono molto positive. Eccone una simpatica recensione video di Linux Journal.

Via Linux Journal