iPod e Linux

Pare non ci sia modo di sfruttare appieno un iPod di nuova generazione – in particolare uno Shuffle III – con le applicazioni disponibili per Linux (che pure sono tante). Occorre per forza iTunes in versione 9. Ho provato allora ad installare iTunes su Ubuntu con Wine. Funziona in tutto e per tutto tranne che per le porte USB, quindi non vede l’iPod. Qualche settimana fa allora, con riluttanza, ho deciso di installare in VirtualBox una macchina virtuale Windows XP, che uso solo per questo scopo.

Per qualche giorno il tutto ha funzionato benissimo, fino a quando il gestore aggiornamenti Apple mi ha suggerito di aggiornare iTunes alla versione 9.0.3. A questo punto il software ha cominciato ad andare in crash con errore sconosciuto pochi secondi dopo ogni avvio.

Dopo un po’ di ricerche e molte prove, ho trovato quella che pare essere al momento l’unica soluzione possibile: fare quello che in gergo si chiama downgrade, cioè disinstallare iTunes 9.0.3 e reinstallare la versione precedente, la 9.0.2, scaricabile da OldApps.com.

Attenzione, però: VirtualBox in versione open source (OSE, quello installabile su Ubuntu direttamente dai repository), non supporta le porte USB. Occorre quindi installare la versione con licenza Personal Use and Evaluation License (PUEL), scaricabile da questa pagina.

Immagine: da apple.com.

Firefox 3.6 ufficialmente disponibile

Mozilla Foundation ha reso disponibile la versione definitiva di Firefox 3.6.

Le novità principali di questa nuova release sono:

  • maggiore velocità di avvio, nella visualizzazione delle pagine e nell’esecuzione del codice JavaScript
  • installazione istantanea dei temi disponibili su Personas Gallery
  • notifica delle estensioni obsolete
  • apertura di video a tutto schermo
  • supporto ai font WOFF (Web Open Font Format)

Firefox 3.6 è scaricabile gratuitamente, per Windows, Linux e Mac OS X, in oltre 70 lingue, qui:

http://www.mozilla.com/en-US/firefox/upgrade.html

Qui invece le note di rilascio (in inglese) sulla nuova versione: Firefox 3.6 Release Notes

Picasa 3.5 ha anche il riconoscimento facciale

picasa-3.5-riconoscimento-facciale

Picasa 3.5 implementa sul desktop la funzionalità di riconoscimento facciale già presente sulla versione web.

Appena installato comincia a fare la scansione delle foto indicizzate, individua i visi e li raggruppa per somiglianza. Se poi abbiamo un account Google, possiamo collegare le facce ai nostri contatti. Ovviamente c’è da aspettarsi qualche errore, ma questa funzionalità può risultare molto utile.

Il nuovo Picasa introduce anche il geotagging delle immagini su Google Maps tramite Google Earth.

Picasa 3.5 è disponibile gratuitamente per Windows e Mac OS X. Purtroppo per Linux è ancora alla 3.0, ma se lo si installa dai repository verrà aggiornato automaticamente appena disponibile la nuova versione.

Immagine: da Google Operating System.

Don’t panic! nasconde immediatamente tutte le finestre che vuoi

dont-panic

Non capisco a cosa possa servire 😉 un programma come questo Don’t panic! che mette a disposizione un pulsante o una combinazione di tasti per nascondere istantaneamente – anche dalla barra delle applicazioni – le finestre che vogliamo, lasciando aperte tutte le altre. A qualcuno però forse potrebbe tornare utile.

Gratuito ed open source, per Windows.

Via Lifehacker.

E’ arrivato Opera 10

opera-10

E’ finalmente arrivata ieri la versione definitiva di Opera 10.

Opera è un ottimo browser gratuito, disponibile per Windows, Mac e Linux. La versione 10 – che sto provando su Ubuntu – presenta tra le principali novità, la compressione Turbo per velocizzare la navigazione, una nuova barra delle schede movibile e con anteprime delle pagine aperte, un nuovo Speed Dial e una interfaccia ridisegnata.

Arriva Pidgin 2.6, con video e voce di Google Talk

pidgin

E’ uscita la versione 2.6 del popolare client di instant messaging Pidgin, che consente di unificare in un unico programma gli account MSN, ICQ, Google Talk, AIM, MySpaceIM, Yahoo! e parecchi altri (e, tramite plugin, anche Facebook IM, Skype IM, Twitter, ecc.).

La nuova versione 2.6 a come principale novità il supporto per la voce e i video di Google Talk, oltre a molte altre migliorie e correzioni di bug.

Pidgin 2.6 è open source e disponibile gratuitamente, anche in italiano, per Windows, Mac OS X e Linux.

Su Ubuntu, Pidgin può essere installato anche dai repository (quindi può essere installata direttamente con Synaptic o con il comando “sudo apt-get install pidgin”), ma in genere non è aggiornatissimo. Per installare l’ultima versione e tenerla aggiornata automaticamente tramite il gestore dei pacchetti occorre utilizzare la versione PPA installandola con i seguenti comandi:

sudo apt-key adv --recv-keys --keyserver keyserver.ubuntu.com  67265eb522bdd6b1c69e66ed7fb8bee0a1f196a8
echo deb http://ppa.launchpad.net/pidgin-developers/ppa/ubuntu `lsb_release --short --codename` main | sudo tee /etc/apt/sources.list.d/pidgin-ppa.list
sudo apt-get update
sudo apt-get upgrade pidgin

Ad oggi, pur essendo disponibile l’update 2.6.1, questo metodo sul mio Ubuntu 9.04 installa la 2.5.8, mentre la 2.6.1 è scaricabile per Linux in formato sorgente e andrebbe compilata manualmente. Immagino che nei prossimi giorni mi verrà proposto automaticamente l’aggiornamento.

FileHippo Update Checker ti aiuta a tenere aggiornati i tuoi programmi Windows

filehippo update checker

Ben lontano dal livello di automazione e trasparenza dei gestori pacchetti di distribuzioni linux come Ubuntu, SUSE o Fedora, FileHippo Update Checker dà comunque una grossa mano a mantenere aggiornati alle ultime versioni i programmi installati su Windows.

Ancora in fase beta, FileHippo Update Checker è però leggero, gratuito e funziona bene.  Controlla se esistono versioni più aggiornate dei software installati sul PC e fornisce in un’unica pagina del browser i link per scaricarli.

Thunderbird 3 Beta 3 disponibile da scaricare

E’ disponibile la beta 3 di Thunderbird 3, la prossima versione del popolare client email di Mozilla.

Le migliorie rispetto alla beta precedente sono tante. Tra le principali:

  • apertura dei messaggi in schede (come le pagine su Firefox),
  • nuova visualizzazione “sommario” dei messaggi selezionati,
  • colonne visualizzate personalizzabili cartella per cartella,
  • “Smart folders”, che permettono di raccogliere messaggi da più account,
  • migliore integrazione con Gmail.

La nuova beta – consigliata al solito solo come test – può essere scaricata qui, per Windows, Mac e Linux.

Download Thunderbird 3 Beta 3

Qui le note di rilascio e i problemi noti (in inglese).

P.S.: Sul mio Ubuntu 9.04 non vuole saperne di funzionare: dopo l’inserimento della password la CPU va al 100% e dopo pochi minuti si chiude da solo.