Gmail raddoppia la dimensione massima degli allegati (20 MB!)

Gmail Logo

Era già alto prima, quando era di 10 MB, ma ora è davvero super il limite di ben 20 MB per gli allegati ad un messaggio Gmail!

Dal momento che però molti altri provider non accettano messaggi così grossi, potrebbe non essere così utile, a meno che non si spedisca ad un altro indirizzo Gmail o Yahoo Mail Plus o ad altri account a pagamento.

L’ho già scritto varie volte, ma Gmail è proprio un ottimo servizio. Anni fa usare la posta elettronica sul web era un’esperienza un po’ frustrante, e lo si faceva solo in caso d’emergenza. Ora invece, un po’ per le nuove tecnologie – tra cui AJAX – con cui sono realizzati Gmail e i suoi concorrenti (vedi Yahoo Mail e Windows Live Hotmail – qui c’è un confronto tra i tre servizi, e nel frattempo Yahoo ha offerto spazio illimitato per tutte le caselle), ma anche perché ormai ci colleghiamo quasi tutti in banda larga, per me i vantaggi superano di gran lunga gli svantaggi.

Mi stupisce perciò che quasi tutte le persone che conosco continuino ad usare antidiluviani account “gratuiti” di provider come Libero, Tiscali, ecc., con pochi MB di spazio a disposizione, interfacce lentissime e piene di pubblicità, su cui gli stessi provider mandano continuamente messaggi promozionali conditi di notizie “piccanti”, senza antivirus né antispam.

Gli unici account Gmail li vedo usare ad “addetti ai lavori”. Probabilmente spaventa un po’ pensare di cambiare account di posta elettronica. Eppure è così semplice! E poi da Gmail si può scaricare la posta anche dalle altre caselle!

Quando ho iniziato questo blog ho pensato soprattutto a dare una mano a tutti quelli che usano il PC senza essere degli informatici. Ad aiutarli a svincolarsi dalla solita “trappola” Windows + Office + Internet Explorer + Outlook + trojan + virus. Il passaggio a Gmail già sarebbe un bel passo avanti, un piccolo gradino per semplificarsi la vita. Mah! Chissà se è utile a qualcuno?

Logo: da Gmail.

Hai trovato interessante questo articolo? Puoi iscriverti ai feed o ricevere i prossimi articoli per email.

Rispondi